LA RIUNIONE DEI CLUB DELL’AREA 1

image.png

In data 06 novembre, ha avuto luogo ad Altavilla Vicentina la riunione dei Club dell’Area 1 voluta dal Governatore Giuseppe Falco per aggiornare su alcune tematiche e sulla situazione economica e sociale dell’Area stessa.

I Club che vi hanno partecipato erano 9, rappresentati dai rispettivi Presidenti e/o delegati. Per il nostro Club, oltre al sottoscritto, era presente anche Diego Vecchiato.

I lavori sono stati aperti dal saluto del Governatore che preannunciava gli interventi di:

-     Federico Loda sulle normative attuali;

-     Andrea Vidotti sulla ripresa dell’attività sportiva post pandemia;

-     Francesca Tibaldi sulle problematiche psicologiche conseguenti alla pandemia.

Federico Loda (che è anche il Tesoriere del Distretto Italia) ha svolto il proprio intervento in skipe e ha iniziato suggerendo di ricercare le normative emanate durante il periodo della pandemia su www.sport.governo.it. Ha sottolineato che nell’ambito del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (PNRR) è stato stanziato per lo sport 1 miliardo di Euro in considerazione dello stretto legame con il benessere sociale e quale strumento di coesione. Il contributo sarà di €300.000.000 per il potenziamento delle infrastrutture sportive in 400 Istituti Scolastici e €700.000.000 per la costruzione di nuovi impianti sportivi. A livello di base, la situazione risulta deficitaria in quanto, su 40.000 scuole, solamente 16.000 dispongono di un impianto sportivo. Loda ha evidenziato anche il piano di inserimento di 4.000 laureati in scienze motorie nella scuola primaria iniziando dalle classi 4e e 5e.

Sono seguiti vari mirati interventi, tra cui uno anche di Diego Vecchiato.

Federico Loda, ringraziando per l’attenzione, ha concluso ricordando le 2 ore settimanali di educazione motoria previste nelle classi 4e e 5e delle scuole primarie e le iniziative realizzate dal Distretto Italia nell’ambito del Progetto di Sport e Salute “#360inclusione” unitamente ad altre Associazioni Benemerite riconosciute dal CONI quali SCAIS, SOI e UNVS.

Andrea Vidotti (presidente del Club di Treviso) ha incentrato il proprio intervento sulla ripresa del mondo sportivo, evidenziando come le regole dello sport siano di aiuto anche nella vita di tutti i giorni.

Gli atleti hanno vissuto quest’ultimo periodo gareggiando nel totale silenzio dei palazzetti e degli stadi vuoti, senza il “rumore” del pubblico. Le Società non hanno avuto introiti dalla vendita dei biglietti che sono una notevole fonte di finanziamento nella stragrande maggioranza degli sport e poi, ultimamente, gli incassi sono risultati minori  per la ridotta capienza autorizzata dalle Autorità preposte.

Per motivi professionali, Vidotti ha avuto modo di constatare la solitudine degli Atleti in giro per il mondo per partecipare a gare internazionali, essendo costretti a lasciare la famiglia lontana, a casa. Nel suo intervento, poi, ha sottolineato che, nel periodo di confinamento, la preparazione atletica era affidata alla buona volontà del singolo atleta costretto spesso ad utilizzare attrezzi di fortuna.

Vidotti ha evidenziato, inoltre, che dietro i numerosi successi ottenuti a Tokio 2020 dagli Atleti azzurri c’erano diverse e dolorose storie … Gianmarco Tamberi che aspettava questa Olimpiade da 5 anni, non avendo potuto partecipare a Rio 2016 per l’infortunio poco prima dei Giochi; BebeVio che ha subìto una pericolosa infezione a pochi mesi da Tokio; Marcel Jacobs che, avendo delle conflittualità con il padre, non riusciva a esprimere tutto il potenziale che possedeva; problemi poi risolti con l’intervento di un mental coach.

Francesca Tibaldi (psicologa e Consigliera dell’Area 1) è intervenuta con un filmato, da lei predisposto, tramite il quale ha messo in evidenza le problematiche psicologiche emerse nel periodo di pandemia e le conseguenze delle stesse in particolare sugli anziani e nei giovani.

Il Governatore è intervenuto toccando vari argomenti. Ha sintetizzato la situazione dell’Area in termini di Club, numero di soci e di quote di affiliazione all’Area stessa, al Distretto e alPanathlon International. Ha ricordato le due videoconferenze organizzate dall’Area con tema “l’Atleta Master” e “l’Atleta Giovane” ai tempi del Covid. Ha segnalato la scarsa risposta da parte dei Club alla richiesta di segnalare Soci particolarmente adatti a tenere relazioni nelle conviviali trattando argomenti specifici. Ha preannunciato gli aggiornamenti degli Statuti del Panathlon International e del Distretto Italia ai quali seguirà quello delle Aree.

Ha, poi, resi noti alcuni dati essenziali della Route 6 2021, che è stata caratterizzata dalla numerosa presenza di partecipanti provenienti da diverse Aree, evidenziando il supporto avuto dai vari Club sedi di tappa per il contenimento delle spese di carattere logistico.

Relativamente al Premio Fair Play di Area sono pervenute proposte da 10 Club.

Ha comunicato che non sarà organizzata dall’Area la Cena degli Auguri di Natale, dando spazio ai Club per le conviviali natalizie, ma che intende organizzare un momento di “Buon Anno” a febbraio 2022.

Sono seguiti vari interventi, in particolare quelli legati alla durata dell’incarico del Presidente Internazionale, del Presidente del Distretto Italia e dei Presidenti di Club. Fra questi, quello di Vecchiato ha sintetizzato in maniera precisa che “la durata ed il numero dei mandati debbano essere quanto prima fissati in modo chiaro ed incontrovertibile, anche per evitare situazioni di mancato rispetto delle regole statutarie ed organizzative”.